ISTITUTO TECNICO FEDERICO CAFFE'

Ufficio relazioni con il pubblico

Amministrazione  Trasparente

Elenco Siti  Tematici

25 APRILE 2014, 69 ANNI FA LA LIBERAZIONE DELL’ITALIA

Odio gli indifferenti. 

Credo che vivere voglia dire essere partigiani. 

Chi vive veramente non può non essere cittadino e partigiano. 

L’indifferenza è abulia, è parassitismo, è vigliaccheria, non è vita. Perciò odio gli indifferenti.

L’indifferenza è il peso morto della storia. 

L’indifferenza opera potentemente nella storia. Opera passivamente, ma opera. È la fatalità; è ciò su cui non si può contare; è ciò che sconvolge i programmi, che rovescia i piani meglio costruiti; è la materia bruta che strozza l’intelligenza. 

Ciò che succede, il male che si abbatte su tutti, avviene perché la massa degli uomini abdica alla sua volontà, lascia promulgare le leggi che solo la rivolta potrà abrogare, lascia salire al potere uomini che poi solo un ammutinamento potrà rovesciare. 

Tra l’assenteismo e l’indifferenza poche mani, non sorvegliate da alcun controllo, tessono la tela della vita collettiva, e la massa ignora, perché non se ne preoccupa; e allora sembra sia la fatalità a travolgere tutto e tutti, sembra che la storia non sia altro che un enorme fenomeno naturale, un’eruzione, un terremoto del quale rimangono vittime tutti, chi ha voluto e chi non ha voluto, chi sapeva e chi non sapeva, chi era stato attivo e chi indifferente. 

Alcuni piagnucolano pietosamente, altri bestemmiano oscenamente, ma nessuno o pochi si domandano: se avessi fatto anch’io il mio dovere, se avessi cercato di far valere la mia volontà, sarebbe successo ciò che è successo?

Odio gli indifferenti anche per questo: perché mi dà fastidio il loro piagnisteo da eterni innocenti. Chiedo conto a ognuno di loro del come ha svolto il compito che la vita gli ha posto e gli pone quotidianamente, di ciò che ha fatto e specialmente di ciò che non ha fatto. E sento di poter essere inesorabile, di non dover sprecare la mia pietà, di non dover spartire con loro le mie lacrime.

Sono partigiano, vivo, sento nelle coscienze della mia parte già pulsare l’attività della città futura che la mia parte sta costruendo. E in essa la catena sociale non pesa su pochi, in essa ogni cosa che succede non è dovuta al caso, alla fatalità, ma è intelligente opera dei cittadini. Non c’è in essa nessuno che stia alla finestra a guardare mentre i pochi si sacrificano, si svenano. Vivo, sono partigiano. Perciò odio chi non parteggia, odio gli indifferenti”.

Antonio Gramsci                                                          11 febbraio 1917

Biografia di F. Caffè

 Biblioteca Federico Caffè

Corso Serale

Gara matematica scuole Medie

Se si usa Explorer  8 o 9 e la barra di navigazione del sito non apre le tendine,  cliccare su compatibilità (icona cerchiata in rosso)                    Questo pulsante si trova accanto al pulsante Aggiorna sulla barra degli indirizzi di Explorer.  Il pulsante Visualizzazione Compatibilità corregge in genere  i problemi di visualizzazione. In alternativa  potete usare altri browser come Google Chrome  , Opera, Safari,  Firefox, etc.   In  ogni  caso  in  basso sono riportate le pagine più viste dagli utenti,   alle quali si può accedere direttamente

LE PAGINE PIU' VISTE
DOCENTI Circolari docenti Voti e Assenze Programmazione Didattica Bandi Graduatorie Modelli Normative Piano delle attività
ALUNNI Circolari alunni Ricevimento  Assenze Corsi  recupero Orario segreteria Libri di testo Pagamento Attività Scolastiche
INDIRIZZI Informatica  Aziendale Amministrazione Finanza  Marketing Costruzioni Ambiente Territorio Liceo Scientifico Scienze Applicate Informatica e Telecomunicazioni Elettronica e Automazione  Ragionieri Serale Sirio
STATISTICHE web page hit counter VISITATORI Check Google Page Rank